Immagine di Testata

 

Nel Giorno del Ricordo delle foibe e dell’esodo giuliano-dalmata, l’Amministrazione Comunale desidera commemorare questa tragedia nazionale troppo a lungo e colpevolmente dimenticata con le sagge parole pronunciate dal Presidente della Repubblica nella cerimonia che si è tenuta oggi alla Camera dei Deputati:

 Le sofferenze, i lutti, lo sradicamento, l'esodo a cui furono costrette decine di migliaia di famiglie nelle aree del confine orientale, dell'Istria, di Fiume, delle coste dalmate sono iscritti con segno indelebile nella storia della tragedia della Seconda Guerra Mondiale e delle sue conseguenze”.

 I crimini contro l'umanità scatenati in quel conflitto non si esaurirono con la liberazione dal nazifascismo, ma proseguirono nella persecuzione e nelle violenze, perpetrate da un altro regime autoritario, quello comunista”.

Le sofferenze patite non possono essere negate. Il futuro è affidato alla capacità di evitare che il dolore si trasformi in risentimento e questo in odio, tale da impedire alle nuove generazioni di ricostruire una convivenza fatta di rispetto reciproco e di collaborazione”.